Blog

Federica Finocchiaro

02/11/2016

Chimay, Authentic Trappist Product dal 1862

La birra Chimay è tra le poche a poter vantare la denominazione di birra trappista.
Ma qual è la sua storia?
L’origine dell’Abbazia di Notre Dame de Scourmont risale al 1850, quando un gruppo di monaci di La Trappe de Westvleteren cominciò a lavorare un terreno situato sul “Mont du Secours” donato dal Principe di Chimay. I monaci di Scourmont iniziarono ad utilizzare tale terreno come proprietà agricola, allo scopo di sostentarsi col proprio lavoro manuale. Gli abitanti della regione ricercavano i prodotti migliori, diventando i primi ambasciatori della qualità trappista.
Dal 1862, i monaci di Chimay producono la loro prima birra nel rispetto delle tradizioni monastiche: una produzione naturale e un’alta fermentazione seguita da una seconda fermentazione in bottiglia. Dopo l’acquisto di 50 mucche di pura razza olandese, i monaci intraprendono anche la produzione del burro e in seguito del formaggio “Trappista” di Chimay. Nel 1948, Padre Théodore è riuscito ad isolare le cellule del lievito e quindi a selezionare le migliori con le qualità utili nella produzione della birra. Il lievito utilizzato oggi è il frutto degli esperimenti di Padre Théodore.
Saprete benissimo che la birra è composta prevalentemente da acqua ed è quindi importante produrla con un’acqua pura e di qualità come quella utilizzata nella birra Chimay che proviene dai pozzi dell’Abbazia. L’acqua viene controllata costantemente per garantire la qualità del prodotto finito e la totale autonomia di Chimay.
Il nome Trappista viene da “la Trappe”, una riforma famosa per la sua austerità, introdotta dall’abate Rancé nel XVII secolo. Per potersi avvalere del marchio “Authentic Trappist Product”, i prodotti devono rispettare i criteri definiti dall’Associazione Internazionale Trappista: il prodotto deve essere fabbricato all’interno o nelle vicinanze di un’abbazia Trappista, da o sotto il controllo dei monaci, e gli utili devono essere destinati al sostentamento dei monaci e ad opere con fini sociali.
La birra Chimay, possedendo tutti i requisiti, è una delle undici birre autorizzate a far uso del marchio esagonale “Authentic Trappist Product”, oltre ad essere non filtrata e non pastorizzata e, quindi, artigianale.
Di seguito i link delle schede tecniche delle etichette Chimay che potete trovare alla Finocchiaro s.r.l. distribuzione beverage Catania:
Chimay Tappo Rosso
Chimay Premiere
Chimay Tappo Blu
Chimay Grand Reserve blu
Chimay Tappo Bianco
Chimay Cinq Cents
Chimay Dorée

Condividi
 
Prev.Succ.